Trova

CIDP
Polineuropatia Cronica Infiammatoria Demielinizzante

COS’È
La polineuropatia demielinizzante infiammatoria cronica (CIDP) è una malattia rara dei nervi periferici caratterizzata da una graduale e progressiva perdita di forza muscolare e/o alterazioni della sensibilità a livello di braccia e gambe. È causata dal danneggiamento della guaina dei nervi, detta mielina. La malattia si può verificare a qualsiasi età, in entrambi i sessi. La debolezza muscolare e i disturbi sensitivi si sviluppano nel corso di due o più mesi.

COME SI RICONOSCE

I primi sintomi sono la crescente difficoltà nella deambulazione per deficit di forza nei piedi e o nelle mani che peggiora progressivamente nel corso di qualche mese. Inoltre ci possono formicolii o altre sensazioni anormali.
La diagnosi si basa principalmente sulla visita neurologica con l’esame obiettivo neurologico e sullo studio elettromiografico della velocità di conduzione dei nervi, che serve a dimostrare il rallentamento della velocità di conduzione degli impulsi elettrici, o anche il blocco della conduzione. Inoltre è indicata l’esecuzione della puntura lombare, eseguita per analizzare il fluido cerebrospinale, che mostra valori tipicamente elevati di proteine con cellule normali. Esistono poi varianti cliniche della CIDP, come ad esempio la neuropatia motoria multifocale, caratterizzata dall’interessamento solo dei nervi motori.

COME SI CURA
Sono disponibili varie opzioni di trattamento. È possibile utilizzare il prednisone, che è simile ai corticosteroidi ed antinfiammatori normalmente prodotti dal corpo, quale trattamento iniziale per diversi motivi: nella maggior parte dei casi si ha un’ottima risposta clinica, la somministrazione per via orale risulta pratica, ed inoltre è economico. Gli effetti collaterali sistemici, tuttavia, possono limitarne l’uso, soprattutto nel tempo. Altri approcci terapeutici si sono spesso dimostrati utili: 1) la somministrazione endovenosa di dosi elevate di immunoglobuline umane  (IVIG), cioè proteine del sangue ottenute da volontari sani; 2) lo scambio del plasma (PE), o plasmaferesi che comporta la rimozione di una parte del sangue del paziente e la reintroduzione delle cellule del suo sangue senza il plasma. Questo trattamento può essere efficace perché rimuove gli anticorpi nocivi presenti nel plasma. 3) terapie immunosoppressive volte a spegnere il sistema immunitario perché smetta di produrre anticorpi nocivi che danneggino la mielina.



MEDICI REFERENTI per questa malattia

presso Ospedale San Raffaele

Ospedale San Raffaele - Milano, via Olgettina 60, 20132 Milano, Italia - Tel. 02 26 431 
"Le informazioni medico-scientifiche che si trovano in questo sito si intendono 
per un uso esclusivamente informativo e non possono in alcun modo sostituire la visita medica."

Copyright Reserved ©. 2012, Ospedale San Raffaele - Milano - P.I. 07636600962 - credits